fbpx

Newsletter

Panier

76574
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-76574,theme-stockholm2021_9,multiple-domain-benoit-barbagli-com,qode-social-login-1.1.3,stockholm-core-2.3.2,non-logged-in,woocommerce-no-js,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,menu-animation-underline,side_area_uncovered,header_top_hide_on_mobile,,qode_menu_center,qode_sidebar_adv_responsiveness,qode_sidebar_adv_responsiveness_1024,qode-mobile-logo-set,qode-wpml-enabled,qode-single-product-thumbs-below,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-73338


Tempo di fuoco
, 2020

Benoit Barbagli

Estratto dal video

Con Collettivo Palam

Per la mostra “Voilà L’Eté”

Nizza, La Station e al 109

Spegnere il fuoco, Trittico – 144 x 350 cm
Esposizione a La Station e nella Grande Halle del 109
Inaugurazione venerdì 10 luglio alle 17
Esposizione da sabato 11 luglio a sabato 29 agosto 2020
Mercoledì e giovedì dalle 13 alle 19
Venerdì e sabato dalle 13 alle 21
[port du masque obligatoire pour accéder aux espaces d’exposition]
Questa mostra rivela il lavoro recente degli artisti residenti del 109 e dei loro ospiti: sono rappresentati più di cento artisti che lavorano nella regione SUD, di varie generazioni e pratiche.
La mostra nella Grande Halle du 109 è condotta da artisti dei laboratori municipali della città di Nizza, mentre a La Station (uno spazio d’arte autogestito e la prima associazione che si è insediata sul sito nel 2009) l’impiccagione è progettata dai suoi residenti.
Le regole del gioco sono le stesse per tutti: ogni residente invita un artista esterno a venire ad esporre per creare un panorama della creazione contemporanea. Questa selezione è stata fatta in modo naturale, sulla base di affinità elettive, siano esse plastiche, estetiche o semplicemente generazionali. Le opere esposte sono recenti, anche inedite (alcune sono state prodotte durante il confino o poco dopo): ci danno la possibilità di vedere, ascoltare e riflettere su questo periodo molto speciale che stiamo attraversando.
È anche un’opportunità per questi artisti visivi di rendere pubblica la loro pratica nel loro posto di lavoro: un esercizio insolito al 109 perché questo luogo è, per gli artisti visivi, soprattutto dedicato al tempo specifico della creazione in studio. Il pubblico potrà scoprire l’inventiva e il dinamismo che si nasconde quotidianamente dietro le spesse mura dei vecchi macelli.
Per gli artisti dei laboratori municipali, sarà l’occasione di confrontare le loro pratiche, che di solito sono sviluppate nei laboratori individuali e poi esposte altrove, in particolare nelle gallerie Espace à Vendre, Eva Vautier, Catherine Issert… Il dialogo plastico tra i residenti, alimentato anche dalla scelta dei loro ospiti, è qui nuovo.
Per La Station, è un’occasione per tracciare un ritratto della sua identità complessa e polimorfa. Questo spazio gestito da artisti è sia uno spazio espositivo che una residenza per artisti ed è attualmente composto da quattordici artisti (due musicisti e dodici artisti visivi). Con laboratori condivisi, organizzano residenze temporanee, mostre ed eventi durante tutto l’anno. Solitamente aperta al mondo, La Station raramente si lascia esporre: la mostra Voilà l’été è un’opportunità per questi artisti visivi di rendere visibili i dialoghi che già si svolgono quotidianamente tra le sue mura. Per l’occasione, gli ex residenti vengono ad esporre, ricordandoci che La Station è una struttura in movimento, che si reinventa costantemente quando i suoi membri vanno e vengono. Insieme ai loro ospiti, questi artisti tracceranno un ritratto dinamico di La Station, rivelando i legami tra essa e il territorio attuale dell’arte contemporanea.
Artisti espositori :
La stazione:
Tom BARBAGLI > Benoît BARBAGLI
Simon BÉRARD > Adrien FLORÈS-JUANITA
Jeanne BERBINAU-AUBRY > Guillaume GOUEROU
Arnaud BIAIS > Maxime DUVEAU e Quentin DUPUY
Pauline BRUN > Diane BLONDEAU e Diane AUDEMA
Valentin FALINE > Marion COURTOIS TSCHIRHARDT
Tom GIAMPIERI > Xavier MICHEL
Ludovic LIGNON > Isabelle SORDAGE
Omar RODRIGUEZ SANMARTIN > Raphaël EMINE
Justin SANCHEZ > Julien DUBUISSON, Maggy CLUZEAU
Jérémie STRAUCH > Donia OUASSIT
Cédric TEISSEIRE > Morgan PATIMO
Agathe WIESNER > Coline DUPUIS
Anne-Laure WUILLAI > Camille FRANCH-GUERRA
Grande Halle di 109 :
Frédéric ALEMANY > Marie LARROQUE-DARAN
Martin CAMINITI > Benjamin BICHARD
Mouna BAKOULI > FONDATION RENÉ D’AZUR (G.CATY, V.COSTA, S.LALLANE) e Frédéric CLAVÈRE
Hugo BENCHIMOL > Lucas VIDAL
Marc CHEVALIER > Gillian BRETT
Johan CHRIST-BERTRAND > Elvire MÉNÉTRIER
Noël DOLLA > Emmanuelle VILLARD
Kristof EVERART > Maxime PUGLISI
Anne FAVRET & Patrick MANEZ > Maxime PARODI
Anne GERARD > Helen COOK
Karim GHELLOUSSI > Jacqueline GAINON
Jérôme GRIVEL > Pierre DESCAMPS
Aïcha HAMU > Isabelle REY
Thierry LAGALLA > Sylvie RÉNO
Sandra LECOQ > Bérénice MAYAUX
Arnaud MAGUET > Olivier MILLAGOU
Florent MATTEI > Jérémy GRIFFAUD
Fiorenza Floraline MENINI > UNLOCKED DONNA
Frédéric NAKACHE > Yayoi GUNJI
Jürgen NEFZGER > Studenti di Aix-en-Provence
François-Xavier ORSINI > Stéphane ACCARIE
Gérald PANIGHI > Laurie JACQUETTY
François PARIS > Céline MARIN
Loïc LE PIVERT > Collettivo SUPER ISSUE
Jean-Simon RACLOT > Marion JAULIN
Caroline RIVALAN > Emmanuelle NÈGRE
Olivier ROCHE > Nathalie CHRISTOPHE
Mathieu SCHMITT > Antoine LOUDOT
Quentin SPOHN > Amandine BRULÉE
Anna TOMASZEWSKA > Eglé VISMANTÉ
Benjamin VAUTIER > Stéphane STEINER
Agnès VITANI > Fafé MARTINETTI
Junko YAMASAKI > Louis-Frédéric APOSTOLY e Nils FOGEL

This post is also available in Français English