fbpx

Newsletter

Panier

76525
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-76525,theme-stockholm2021_9,qode-social-login-1.1.3,stockholm-core-2.3.2,non-logged-in,woocommerce-no-js,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,menu-animation-underline,side_area_uncovered,header_top_hide_on_mobile,,qode_menu_center,qode_sidebar_adv_responsiveness,qode_sidebar_adv_responsiveness_1024,qode-mobile-logo-set,qode-wpml-enabled,qode-single-product-thumbs-below,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-73338

Ecotopia

Un getto d’inchiostro di una scogliera su una tela sottostante.

La caduta dell’inchiostro e l’aspetto del suolo formano l’impronta di questa terra verticale che cattura

montagna le sue vertigini e la sua caduta, il suo tempo geologico e il suo spazio illimitato .

La realizzazione della tela è rapida come la caduta di una decina di metri che ha messo alcune gocce di carbone mescolate ad acqua.

Prima di essere un lavoro, Ecotopia è tante passeggiate, da soli o con gli amici in montagna. Notti trascorse ad abitare la natura, sotto le stelle, scaldate da un falò.

Le scogliere si arrampicavano per ore, tanto che una volta in cima per pochi secondi , un getto d’inchiostro ricopre una tela sottostante.

A parte la tela di lino stessa, i materiali che la compongono provengono dal camminare, l’inchiostro viene creato il giorno dopo le notti trascorse all’aperto, con le ceneri frantumate del fuoco di legna, a cui si aggiunge una linfa che funge da legante.

La montagna fertile dà vita al substrato che si deposita sulla tela, il legno che cresce su di essa diventa carboncino, poi inchiostro.

Cime de notre Dame d’Amirat VI, Amirat, Alpes-Maritime Encre au charbon sur toile, 116x81 2018
okok
Large_wall_in_minimal_gallery copie
polytique
Large_wall_in_minimal_gallery
notre dame amirat -Large_wall_in_minimal_gallery
Originale, Eclaircie, 2021, 65x 54 cmvisuel3D
Originale, Le rocher de Ponte-Leccia, 2019, 92 x 75 cmvisuel3D
uvre originale, Calme, 2021, 200 x 50 cmvisuel3D
uvre originale, Cime de notre Dame d Amirat, 2016, 260X190 cmvisuel3D
uvre originale, Cime de notre Dame damirat IV, 2018, 195 x 130cmvisuel3D
uvre originale, Eteindre le feu III, 2020, 146 x 114 cmvisuel3D
uvre originale, La tempte, 2018, 162 x 114 cmvisuel3D
uvre originale, La Vague , 2019, 162 x 300 cmvisuel3D copie
uvre originale, La Vague , 2019, 162 x 300 cmvisuel3D
uvre originale, La voix oceanique, 2021, 180 x 285 cmvisuel3D
uvre originale, Lempreinte de Shiva, 2016, 195X130 cmvisuel3D
uvre originale, Naissance dune vague, 2021, 162x54 cmvisuel3D
uvre originale, Paysage vertical, 2019, 80 x 40 cmvisuel3D
uvre originale, Soleil Maritime, 2021, 219x92 cmvisuel3D
Capture-d’écran-2018-02-09-à-11.36.35-1024x640
Capture-d’écran-2018-02-09-à-11.36.35-1024x640-1
previous arrow
next arrow

Vista dal campo di Thorong Pass a 5000 m di altezza

Annapurna

 

La prima e non meno importante passeggiata Ecotopia si è svolta nel 2016 in Nepal, durante una passeggiata solitaria intorno alla catena dell’Annapurna, il secondo massiccio dell’Himalaya.

Dopo diversi giorni di preparazione nella città di Phokara, ho finalmente trovato gli elementi necessari per creare la tela in cima al Thorong Pass : Lo stesso telo di lino, un mortaio, un setaccio per frantumare il carbone e ovviamente l’attrezzatura necessaria per un trekking in alta montagna.

15 giorni di camminata nel cuore delle montagne, le tele nella borsa, la sera riscaldata dal fuoco di legna, la mattina dopo abbiamo pestato* (parli di una passeggiata solitaria ma qui parli al plurale) il carbone per fare l’inchiostro.

Mille scogliere, cascate, incontri avvenuti durante questa passeggiata, questo fatto (?) sarà conteggiato in un altro libro.

Il decimo giorno sono arrivato ai campi base dal passo Thorong, a 4500 m. 1000 metri io ancora separata dal passo a 5500m, la giornata doveva essere di 8 ore di cammino, con circa il 50% di ossigeno , ogni passo era una prova e un divertimento allo stesso tempo.

Ad aggiungere difficoltà a questa passeggiata faticosa, questa buffa idea di scalare il punto più alto (?) che ho trovato per lanciare questo carbone mescolato con un po’ d’acqua.

Il gruppo di amici a cui mi sono unito per due o tre giorni non poteva aspettarmi, temendo di arrivare di notte, o di essere bloccato in cima.

Avevo già portato con me questa tela e barattoli di carbone in polvere per 10 giorni, non potevo rinunciare qui.

Leggermente sopra il campo Alto intorno ai 5000 m, dopo già 2 lunghe ore di cammino, ho visto una scogliera che sovrastava l’intera vallata.

La tela depositata sotto la rupe, mi arrampico su questa grande roccia come meglio posso. Iniziano alcuni fiocchi di nevent cadere, il primo dall’inizio del trekking, la montagna sta cercando di parlare ?

Annapurna è per i nepalesi la residenza di Shiva. Spesso mi ha fatto piacere pensare che queste tele hanno catturato alcuni frammenti della stessa Shiva.

Equilibrato nel vuoto, solo per chilometri intorno, non senza difficoltà sono riuscito a buttare questo inchiostro.

C’è spesso nei miei sentimenti un “tutto questo per quello”. Ecco una macchia d’inchiostro che avròHo potuto fare nel mio soggiorno a 10.000 chilometri da qui.

Ma è qualcosa di più di una semplice macchia in un ordine assemblato e cosa contiene questo web. è anche più del mio viaggio, la mia camminata, la mia scalata, la mia performance, è qualcosa di diverso dalle mie singolarità, dalla mia sensibilità e dal mio stile. È qualcosa di diverso da me.

Sono un semplice pretesto, lo sherpa della montagna, che le ha portato la sua tela e il suo inchiostro perché potesse disegnare se stessa, raccontarci tutto attraverso il suo disegno.

Piego delicatamente le tele e continuo il viaggio sotto la neve.

*Spesso per strada incontravo viaggiatori, che facevano la mia stessa salita, quella mattina ero con Léa

L'empreinte de Shiva série La forme de la montagne, Annapurna, Népal, 2019 Encre au charbon sur toile, 195x130cm

Le Alpi

 

L’ecotopia è proseguita in Francia attraverso l’alpinismo nel massiccio del Mercantour e nelle non meno pericolose Prealpi meridionali .

Visione del sublime in Kant, la montagna supera la capacità della mente umana di pensarla, di rappresentarla. È così che il gesto dell’artista scompare per lasciare che le sue singolarità formali si esprimano.

In uno slancio meditativo zen, richiama l’approccio di calligrafi che cercano nel loro gesto la sensazione di vuoto.

Conquista performativa di una vetta, i dipinti di Ecotopia diventano una forte sintesi tra camminare nella natura, scalare falesie e la montagna stessa.

Ci sono molti luoghi tra queste montagne che chiamo Ateliers, per non considerarli come luoghi in cui l’artista padroneggia il processo di produzione dei suoi lavora, ma molto di più come luoghi dove la montagna lavora, lavora giorno dopo giorno. Io stesso passo e bastaehm , ritorno, y vivi qualche giorno.

Anche in questo caso l’“io” è un pretesto, uno strumento che la natura utilizza a suo piacimento per produrre le sue opere.

Notre-Dame d’Amirat série forme de la montagne Notre-Dame d’Amirat , Amirat, Alpes-Maritime, 2016 Caisse américaine bois noir 195x130 cm

Alla fine delle montagne, il mare, nel 2019 Ecotopia cerca sempre di far parlare la natura da sola e continua a esplorare le coste rocciose, il confine tra terra e terra mare. Con un gesto simile a quello della montagna, un getto d’inchiostro da un punto verticale su una tela posta sulla sponda scorre e ne prende l’impronta.

Il mare a sua volta , che viene al ritmo delle onde, partecipa al disegno della riva, la ricopre, la diluisce , a volte violentemente, la tela diventa questa collaborazione tra terra e mare.

In ogni tela, tutto ciò che resta dell’artista è il suo corpo ambulante, penetrato dalla natura circostante. La tela è in un certo senso il suo ritiro, la sua scomparsa. Queste scelte sembrano importanti, questa o quella montagna, tali e tali sponde, ma non sono niente. È la montagna, la riva e il mare che disegnano, gli artisti si ritirano dall’avamposto delle loro opere, non partecipando, proprio come lo spettatore, solo in quanto si riconoscono nella natura.

Pareidolia, coincidenza, la prima di queste tele lascia inesorabilmente apparire il disegno di un’onda.

La Vague série La forme des mers, Saint-jean-Cap-Ferrat, Alpes-Maritime Encre au charbon sur toile, Tryptique, 114 x 240 cm 2019

Ecologia

 

Se la tecnica riesce con precisione a far pensare a gocciolare, gettare inchiostro su una tela, differisce, addirittura si oppone su ciò che l’opera cattura.

Mentre le sgocciolature catturano l’energia dell’autore, il suo dinamismo, la sua presenza, Ecotopia è più un ritiro, per lasciare spazio all’ambiente. Se compaiono tracce di gesto, sono solo residue.

L’arte moderna ha portato al culmine l’avvento dell’individuo, le sue qualità, la sua differenza, il suo ego. Persino il La Land Art degli anni ’70 non fa eccezione, l’uomo nella natura, l’uomo che scolpisce la natura.

L’individuo è ciò che cerchiamo di andare oltree la nostra strategia è la natura. Quello che fa Ecotopia è considerare il corpo che non agisce più come un individuo che ha queste singolaritàse il modo di esprimersi è proprio , ma come parte di un tutto, i corpi si trovano in un ambiente naturale , ne diventano parte integrante.

La seconda sfida di questo andare oltre è l’ecologia collettiva, senza gli inciampi collettivi. Questo è ciò a cui si rivolge Ecotopia e ciò che cercherà di costruire ora.

Forme de la Nature I Serie Forme de la nature Alpes-Maritime , Notre Dame d’Amirat , 2016 Tirage photographique 34 x 55 cm

This post is also available in Français English