fbpx

Newsletter

Panier

76498
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-76498,theme-stockholm2021_9,qode-social-login-1.1.3,stockholm-core-2.3.2,non-logged-in,woocommerce-no-js,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,menu-animation-underline,side_area_uncovered,header_top_hide_on_mobile,,qode_menu_center,qode_sidebar_adv_responsiveness,qode_sidebar_adv_responsiveness_1024,qode-mobile-logo-set,qode-wpml-enabled,qode-single-product-thumbs-below,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-73338

La marea della trepidazione

L’epopea lirica che riunisce marinai, designer, architetti, poeti, artisti postmoderni di ogni ceto sociale, per immergere una metafora pesante: un pianoforte sotto il mare, utilizzando una gru galleggiante costruita per l’occasione, infonde una musica d’onda nel profondità del mare, un omaggio al famoso pianista e tuffatore Esbjorn Svensson, che ha detto di aver trovato ispirazione sott’acqua.

L’immersione pianistica si è svolta il 28 maggio 2015, accompagnata da numerosi spettacoli balneari, canalizzando energie artistiche verso e per il mare.

Durante il lancio, questo testo è stato pronunciato:

E se i nostri pensieri, ricordi, riflessioni, sentimenti, venissero infatti, proprio come le nostre percezioni, dall’esterno?
Se il nostro cervello, di natura molto diversa dalla memoria di un computer, non fosse assolutamente uno strumento di archiviazione ma sarebbe in realtà solo un semplice ricevitore magnetico che verrebbe, come i nostri organi percettivi, a catturare i nostri ricordi, sentimenti, riflessioni, piuttosto che accumulandoli.
Su questo pianeta blu, se fosse l’acqua che lo compone a custodire la nostra memoria e l’acqua che ci compone a riceverla.
L’oceano in perpetuo movimento produce la nostra memoria vivente in ogni momento.
E nel flusso e riflusso, le onde ci cantano attraverso un’onda che la gravità ci trasmette e mantiene coerente.
Apriamo questa giornata grazie a questa infusione musicale, questo pianoforte immerso, come un vortice verso la nostra memoria più sepolta, il nostro inconscio collettivo.
Questo ci permetterà di influenzare con forza un’onda carica di straordinaria energia che si diffonderà fino al fondo dell’oceano per ammorbidire la sua struttura e sciogliere le sue tensioni.
Per entrare in pace.
Durante tutto il tempo dell’immersione del pianoforte, lo spazio diventa il nostro spirito, e ogni gesto diventa emozione.

Photo document du radeau lors de sa mise à l'eau
L'infusion, 2015, 89x55 cm
Radeau de Tide of Trépidation sur les terrasse de la Villa Arson de la Villa Arson - Été 2015

This post is also available in Français English